Bari perno e baricentro - Masi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagine nascoste

Bari perno e baricentro
fra Nord Europa e Sud Mediterraneo


Natura e Tecnologia: due facce della stessa medaglia
Il cielo, gli amici, la Cultura del Vivere, l’aria ‘buona’ e profumata, gli odori e sapori della Bari di Vito Maurogiovanni, le armonie del Petruzzelli, il senso del risparmio…

La TV digitale, il cellulare, la libertà di Internet, l’Ipad, il portatile, i voli low cost, la Fiera del Levante, trovare e comprare cibo, casa, vestiti, l’entropia consumistica…

Ebbene, noi pensiamo che anche quando, anzi, proprio quando il pendolo delle risorse si sposta sempre più dal pubblico al privato, il capitale finanziario da abito vuol farsi corpo, la bolla dell’individualismo tende a gassificare i rapporti sociali, allora si creino le condizioni al contorno per generare nuovi equilibri e nuove armonie..


La City & il Central Park

La cubatura totale disponibile sui 78 Ha dell’area di intervento è di ca 1.300.000 mc.
Supponiamo che una società di gestione costituita dagli aventi diritto a tale volumetria edificabile, li ponga sul mercato immobiliare per creare una City dotata di galleria fotovoltaica ed edifici in classe A a destinazione terziario-residenzial-direzionale da realizzare, secondo le linee-guida del masterplan, su una piastra pedonale attrezzata ‘a giardino pensile’, posta al di sopra dell’area ferroviaria in area non interessata dalla ristrutturazione del Nodo, per esempio all’altezza di v. B.Regina..
..e in continuum con il mantello trasversale verde di connessione tra ex caserma Rossani e piazza Aldo Moro posto in corrispondenza della Stazione Ferroviaria a formare un ‘polmone verde’  nel cuore della Città  (Central Park).

Il ricavo che se ne potrebbe conseguire si aggirerebbe -alle condizioni di mercato attuali- su valori ≥600 €/mc, per un totale (600 €/mc. x 1.300.000 mc.) non inferiore a 780 Mil€.

Il Masterplan
Secondo le linee-guida del masterplan, i 780 Mil€ verrebbero così ripartiti:


90 Mil€  verrebbero finalizzati a costruire (al costo unitario di 500 €/mc) 180.000 mc, per un totale di 60.000 mq. ca. di superficie, da destinare ad attività di interesse pubblico, ubicate nello stesso comparto del centro terziario-residenzial-direzionale a farsi;

90 Mil€   sarebbero destinati alla creazione:
- del mantello verde di connessione tra ex caserma Rossani e piazza Aldo Moro (Central Park), in continuum con la copertura a giardino pensile del fascio dei binari che andrebbe dalla City alla Stazione e di qui  fino al parco Perotti ed al lido di 'Pane e Pomodoro' con una estensione di ca. 50 ettari;

- della galleria fotovoltaica di autoalimentazione dell'intero intervento;

600 Mil€ servirebbero a realizzare :
- cinque anelli di monorotaia (ad alimentazione elettrica e recupero di energia) e 20 stazioni dislocate lungo i 20 Km dei percorsi,
- autosilos perimetrali con cui per un verso assicurare la mobilità all’intero territorio cittadino ed al suo hinterland e per l’altro istituire zone ciclo-pedonali ed a traffico limitato,
- nodi di interscambio multimodali degli anelli a monorotaia con le ferrovie concesse e con i trasporti su gomma per passeggeri e merci.

Il bilancio Costi-Benefici
Il Sistema è, nella sua globalità:

1) a costo finanziario 0, poiché viene ‘venduto' lo ius edificandi e cioè un diritto ‘virtuale' a costruire;

2) a consumo energetico nullo essendo autoalimentato dalla galleria fotovoltaica e con sistemi edilizi di classe A;

3) a impatto ambientale negativo attraverso  la creazione di vaste aree ciclo-pedonali e a traffico limitato, senza penalizzare ma anzi incrementando la mobilità e l'efficienza del trasporto di uomini e merci e, riducendo l'attuale traffico veicolare urbano di una quantità non inferiore al 20%, diminuendone in pari misura l'emissione di agenti inquinanti e l'inquinamento acustico;

e produce:
a)  un utile netto tra i 55 e i 95 Mln€ da ridistribuire tra i partner della società di gestione (ed eventuali azionisti esterni);

b) un volume di affari ≥ 2.750 Mil€, di cui 780 Mil€ per la realizzazione dell'intervento e 1.950 Mil€ (1.500 €/mc. x 1.300.000 mc.) per la realizzazione della volumetria venduta ai privati.

Bari, ottobre 2014

 
Torna ai contenuti | Torna al menu