Curriculum - Masi

Vai ai contenuti

Menu principale:

dott. ing. Vito Antonio Masi : curriculum vitae

              Dati personali

Nazionalità: italiana
  • Data di nascita: 24 ottobre 1947

  • Luogo di nascita: Turi (Ba)

  • Residenza: Bari, c.so A. De Gasperi 453/c

                 Istruzione                        1968

Liceo-Ginnasio Orazio Flacco di Bari
  • Diploma di Maturità Classica
                                                          1973


Università degli Studi di Bari



Relatore: prof. arch. Vittorio Chiaia

         Esperienze di lavoro                1974 - 1975

  • Università degli Studi di Bari: assistente al corso di laurea di Composizione Architettonica.

                                                          1975 - 1978




 
  • Componente della Commissione Edilizia del Comune di Turi.
 

  • Incaricato dal Comune di Turi dello studio preliminare sul nuovo Piano Regolatore Generale.


 

  • Incaricato dal Comune di Ceglie Messapica di un progetto di rivitalizzazione del centro storico.




                                                          1978 - 1981






                                                          1982 - 1986



 

  • Collaudatore di opere in c.a. in provincia di Bari.

 

  • Co-progettista del progetto di restauro conservativo della "Torre del Palasciano" (dimora del medico personale di Ferdinando IV di Borbone) sulla collina di Capodimonte in Napoli.

                                                          1987 - 1990



  • Condirettore dei lavori -su incarico del Politecnico di Bari- della sopraelevazione della Facoltà di Ingegneria.


                                                          1991 - 1992



  • Co-progettista -su incarico del Politecnico di Bari- del progetto esecutivo dell’Istituto di disegno della Facoltà di Ingegneria.


  • Progettista e referente di un programma urbano integrato polifunzionale con trasporto rapido di massa su monorotaia integrato da giardini pensili  denominato "Il Fiume Verde".


                                                          1993 - 1998


  • DD. LL. e project-manager del complesso denominato "City Center", a destinazione terziario-direzionale (65.000 mc.) sito in Bari alla v. Brigata Regina, tuttora in corso di realizzazione.



  • Progettista della piazza antistante il City Center, in affaccio su v. Brigata Regina in Bari.




                                                          1999 - 2003


  • Progettista di un opificio nella zona industriale di Modugno.





                                                          2004 - 2005


  • Responsabile gestionale di cantiere del complesso turistico "San Bull"- Metaponto (Mt).


  • Progettista della ristrutturazione a cinema-teatro del cinema Armenise


  • Falling waters.......

                                                          2006 - 2011


  • Co-progettista con il prof. ing. Francesco De Mattia della fase finale del piano particolareggiato di Bari-Palese.


  • Progetto urbanistico di sistemazione del quartiere murattiano presentato nell'ambito del concorso "Ridisegna Bari"


 Progetto Arca ...


  •         giardini pensili,
              autosufficienza energetica
              smaltimento rifiuti automatizzato

                                                           2012 - 2013








  • collaudo statico e tecnico-amministrativo su incarico della Regione Puglia (Area Politiche per l’ambiente, la qualità urbana - Servizio Lavori Pubblici) delle opere di consolidamento e restauro conservativo della Chiesa di “S. Maria della Misericordia “ in  Foggia.



                                                          2014 - 2015




     Cosi rifarei Bari:






NON CI BRUCERANNO L'ANIMA
Il corpo del nostro Teatro non esiste più.
Ma la sua anima e' qui.
In questa volontà testarda, vitale, silenziosa.
Quella stessa che ci fa vivere i sogni della cultura;
che ci rende ancora, e anche adesso, orgogliosi di Lui.
Poiché ogni cosa, ogni volta, e' espressione irreversibile
del mondo che la circonda,
ricostruirLo com'era servirebbe solo a rimuovere dalle nostre coscienze
la memoria di quello che e' accaduto:
ci restituirebbe un corpo vuoto e falso.
Ed io penso ad un "cielo di cristallo", su cui,
serigrafate come ombre di Hiroshima, riappaiano, diafane ed eteree,
le linee dei segni  -dei sogni-  che c'erano:
tracce sull'Universo dei nostri pensieri.
A memoria di noi stessi.
                                                                                                                mawam

 
Torna ai contenuti | Torna al menu